Analisi dati dei concorsi: come monitorare il comportamento dei consumatori

Scratch&Screen il 23 febbraio 2021

In che modo raccogliere informazioni sui comportamenti di acquisto dei propri clienti attraverso l’analisi dati dei concorsi? I contest sono uno degli strumenti di marketing più sfruttati quando l’obiettivo è la raccolta dati. La possibilità di vincere un premio incentiva l’utente ad iscriversi al concorso compilando un form con le proprie informazioni anagrafiche e di contatto.

Ma cosa succede se si volesse andare oltre, indagando su aspetti meno immediati e più complessi, come i comportamenti di acquisto di coloro che partecipano all’iniziativa? In questo articolo vedremo che raccogliere ed esaminare questo tipo di informazioni è possibile grazie alla lettura ed analisi degli scontrini.

 

Analisi dati dei concorsi: giocare con gli scontrini

Quando si tratta di progettare la meccanica di gioco di un contest, richiedere l’invio di una prova d’acquisto ai fini della partecipazione si rivela una mossa vincente. Gli scontrini infatti rappresentano una vera e propria miniera di informazioni sui prodotti acquistati, sul comportamento dei consumatori e sulle performance dei vari punti vendita, che potranno essere utilizzate per l’analisi dati dei concorsi.

Come far sì che l’invio dello scontrino, il quale nella pratica rappresenta un ulteriore passaggio potenzialmente scoraggiante per l’utente, si integri in modo semplice e fluido all’interno dell’esperienza di gioco? Se ci si orienta su un concorso a premi di tipo digitale le cose diventano molto più semplici: al giocatore sarà sufficiente scattare una foto della sua ricevuta d’acquisto con il cellulare e caricarla direttamente all’interno della piattaforma di registrazione al contest. La presenza di un QR code sullo scontrino rende il tutto ancora più immediato. Inquadrandolo, l’utente verrà infatti rimandato alla pagina web da dove iniziare a giocare.

 

Quali dati si possono ottenere da uno scontrino

Abbiamo già fatto cenno ai dati più interessanti che si possono estrarre da uno scontrino.
Ad esempio, si tratta di:

  • - Il luogo dove è avvenuto l’acquisto, inteso sia come località geografica (regione, città, ecc.), ma anche il retailer;
  • - il giorno e la data in cui è stato emesso;
  • - gli importi spesi;
  • - le singole referenze acquistate.

Cosa ci dicono queste informazioni sul comportamento dei consumatori che hanno partecipato all’iniziativa? Vediamo che cosa è possibile scoprire attraverso l’analisi dati dei concorsi:

  • - quali sono i punti vendita più frequentati dal campione analizzato;
  • - quale è la spesa media effettuata nei vari punti vendita;
  • - quali sono i momenti preferiti per fare acquisti: quali fasce orarie vanno per la maggiore, quali giorni della settimana, ecc.;
  • - i brand preferiti;
  • - le combinazioni di prodotti inseriti nel carrello;
  • - le quantità acquistate, gli acquisti ripetuti;
  • - la spesa complessiva e la spesa riferita ad una determinata categoria merceologica;
  • - come variano tutti questi elementi sulla base della posizione geografica (Nord, Centro e Sud Italia, differenze tra grandi città e realtà più piccole, ecc.)

 

Il ruolo del software OCR nell’analisi dati dei concorsi

Grazie alle informazioni ricavate dall’analisi degli scontrini si potranno sviluppare strategie di marketing migliori, combinando i dati riguardanti il comportamento d’acquisto con le anagrafiche, per intercettare in modo più efficace specifiche fasce di pubblico con campagne altamente targettizzate.

Il segreto sta nell’adozione di un software OCR (Optical Character Recognition).

Per capire meglio, facciamo un passo indietro. Cosa succede una volta che il giocatore ha caricato lo scatto dello scontrino all’interno della piattaforma di gioco? L’immagine viene gestita da una componente fondamentale per l’analisi dati dei concorsi: il software OCR. Quest’ultimo si occupa di leggere le informazioni presenti sulla prova d’acquisto: nomi delle referenze, quantità acquistate, importi, giorno e orario d’acquisto e così via. In prima istanza questo serve a convalidare la giocata (l’immagine caricata è effettivamente quella dello scontrino richiesto? È presente il prodotto richiesto per la partecipazione, oppure, è stato raggiunto il minimo di spesa previsto?). Inoltre, rende anche possibile salvare tutti i dati letti in formato testuale all’interno di un apposito database.

Un passaggio fondamentale dunque per attingere alla miniera di dati dei concorsi e ottimizzare sempre più la strategia di marketing di un brand.

 

Clicca qui e scarica il White paper: Profilare è un gioco!

Topics: Contest Online, Customer Engagement

Condividilo su: